App

Anche Playboy si lancia nel mondo delle App

Sempre di più sono le figure che decidono di servirsi di applicazioni per ampliare il proprio fatturato o semplicemente per farsi maggiormente conoscere o acquisire nuovo pubblico. La app stanno acquisendo infatti sempre più importanza ed il numero di utenti che accedono all’AppStore aumentano giorno dopo giorno. Ecco quindi che nemmeno una rivista cult, conosciuta in tutto il mondo e amata soprattutto dal pubblico maschile, scende in campo con una sua applicazione.

Stiamo parlando di Playboy, conosciuta da tutti per i numerosissimi servizi fotografici di nudo di star e gente famosa, che nel corso degli anni hanno donato a questa rivista una fama e una diffusione che non conosce rivali nel settore, trasformandosi addirittura in marchio per abbigliamento ed accessori vari. Tuttavia le modalità con cui Playboy si avvicina al mondo delle app lascia un po’ perplessi. Non aspettatevi quindi servizi con modelle nude o contenuti erotici.

Anche Playboy si lancia nel mondo delle App

 

Come forse alcuni di voi sapranno, Apple non permette, nel proprio AppStore, la pubblicazione di contenuti esplicitamente a sfondo erotico-sessuale. Niente foto spinte, niente curve al vento, niente sguardi maliziosi di ragazze vestite come “mamma le ha fatte”, a detta degli addetti ai lavori le foto contenute nell’applicazione saranno “romantiche, capricciose o sexy”.

Playboy

Categoria - App

Playboy va quindi in un certo senso ad annullare se stessa, negando nella sua applicazione le pose di nudo proprio per le quali essa è così famosa in tutto il mondo. L’applicazione proporrà quindi dei contenuti esclusivi, che potranno essere ritrovati solo al suo interno, oltre ad una fornita scelta degli articoli migliori apparsi sulla omonima rivista, censurando ovviamente le foto di nudo.

Vi saranno inoltre i contenuti appartenenti alle categorie “Food, drink, style e travel”. Già aprendo l’applicazione per la prima volta dall’edicola del nostro iPhone avremo la poco piacevole sorpresa, che ci lascia intendere fin da subito le intenzioni dell’app stessa: una sexy modella che sta per togliersi la camicia ad un cento punto, quasi arrivata al momento clou dell’azione, si blocca e ci fa un gesto di dissenso con le dita.

Come per dirci “queste cose qui non si fanno, se volete vederle andate altrove”.  L’applicazione per iPhone Playboy può essere scaricata dall’AppStore con tre diversi tipi di abbonamento: periodico per trenta giorni al prezzo di 1,79 euro, periodico per sei mesi al prezzo di 9,99 euro, periodico per un anno al prezzo di 17,99 euro.

Playboy è compatibile con iPhone 3GS e successivi, iPod dalla terza generazione e iPad, e richiede iOS 5.1 e successivi. E voi cosa ne pensate a riguardo? Ha senso, secondo voi, un’applicazione Playboy senza foto di nudo? Fatecelo sapere con i vostri commenti!


Tags
Back to top button
Close
Close